Samsung Pay ed il suo innovativo metodo di pagamento

Samsung Pay ed il suo innovativo metodo di pagamento

Samsung Pay arriva anche in Italia e chissà se con lui inizierà anche la lunga strada che ci porterà alla cashless society e ad una gestione più trasparente del nostro denaro.

Samsung Pay VS metodi di pagamento via smartphone tradizionali

Cosa rende Samsung Pay differente dai sistemi di pagamento via smartphone già esistenti?

Mentre nella maggior parte dei casi questi sono stati ideati da una banca e funzionano solamente con le carte collegate ad essa, Samsung Pay dipende unicamente dal dispositivo a cui si sceglie di collegare.

Per poterlo utilizzare infatti è necessario avere un modello Samsung ben preciso: S9, S9+, Note 8, S8, S8+, A8, A5 2017, S7, S7 Edge, A5 2016, Gear S3 frontier, Gear S3 classic e Gear Sport.

Il secondo importante vantaggio consiste nella sua compatibilità con qualsiasi pos: al contrario dei sistemi di pagamento tradizionali Samsung Pay funziona anche con i pos più vecchi, aumentando così drasticamente la possibilità di poterli utilizzarli.

Un terzo, non collegato al pagamento diretto, è la possibilità di avere a portata di tap tutte le proprie carte fedeltà, senza bisogno di perdere tempo a cercarle dentro al proprio portafoglio.

Come funziona Samsung Pay

Samsung Pay è un’app scaricabile direttamente dal Play Store di Google ed utilizzabile facilmente inserendo le credenziali dell’account Samsung ed i dati della carta di credito, debito o prepagata a cui si vuole collegare.

Per pagare basta aprire l’app, avvicinare il dispositivo al lettore ed autorizzare la transazione con la propria impronta digitale o, nel caso dei dispositivi più frequenti, con lo scanner dell’iride.

I 3 step per la sicurezza

Per garantire ai suoi utilizzatori la massima sicurezza Samsung ha creato il sistema di pagamento con tre diverse caratteristiche.

La prima, citata nel paragrafo precedente, è quella dell’impronta digitale per autorizzare il pagamento; la seconda è la mancanza del salvataggio dei dati della carta all’interno del dispositivo; la terza è la protezione del trasferimento di denaro all’interno di una specifica piattaforma integrata al dispositivo chiamata Knox.

Samsung sembra aver progettato un sistema a prode di frode, funzionerà?

Staremo a vedere.

No Responses

Write a response

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi