italexit

Italexit per la prima volta arriva in parlamento

Anche in Italia si inizia a parlare di uscita dall’area euro. Ormai in Europa ne parlano tutti e l’italexit è il tema scottante del nostro parlamento in questa estate torrida.

Il dibattito sull’Italexit

L’occasione per dibattere dell’Italexit si è presentata durante una conferenza istituzionale indetta a Roma dal Movimento 5 stelle in merito al debito pubblico europeo. Ne è venuta fuori una discussione sulla disputa del ristrutturare il debito o dire addio all’europa.

La conferenza parlamentare aveva come intento il deideologizzare il dibattito sull’euro in modo da mettere d’accordo i più su come l’Italia possa rinascere.

Alla Camera si è discusso del meccanismo di default interno dell’euro, di come ristrutturare il debito sovrano e dell’uscita dall’eurozona.

Il tabù sfatato

Il dibattito sull’Italexit fa il suo primo ingresso nelle alte stanze. Non solo il Movimento 5 stelle ma anche gli italiani possono finalmente parlare di questioni che fino a poco tempo fa sembravano tabù.

L’iter per arrivare ad un voto simile è lungo e tortuoso, bisognerebbe infatti cambiare la costituzione.

Luigi di Maio, vice presidente della camera e prossimo sicuro candidato premier del Movimento ha preso le distanze dalla proposta.

La moneta fiscale e l’italexit

Molta importanza è stata data alla proposta della moneta fiscale. Questa metodologia è composta da coupon emessi direttamente dallo stato alla gente per pagare le tasse. italexit

La vera domanda è però se la moneta fiscale sia veramente sostenibile a lungo termine o sia solo una misura temporanea e difficile da mettere in pratica.

La moneta fiscale potrebbe essere uno strumento di aiuto all’Italexit e che potrebbe rappresentare un periodo di transizione verso la nuova moneta.

Il futuro appare complesso e ci si domanda se si possa veramente sostituire l’euro. Si spera solo di non incappare nello stesso problema che si ebbe negli anni duemila con il cambio lira euro. La svalutazione della nuova moneta infatti sarebbe massiccia e molto tempo sarà richiesto per ristabilire l’equilibrio.

 

 

No Responses

Write a response

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi