fbpx
Argentina colloca bond

Argentina colloca bond “secolare” : operazione a sopresa

In un momento di euforia per i mercati emergenti, l’ Argentina colloca bond a 100 anni da 2,75 miliardi di dollari. Si tratta dei famosi bond denominati in dollari che scadono tra un secolo.

Clamorosa svolta per un paese che qualche anno fa non poteva nemmeno immaginarsi di accedere al mercato per potersi finanziare.

L’ Argentina colloca bond secolare nel momento migliore

Il paese, che nel 2001 era andato in default per 100 miliardi di debito pubblico, ha trascorso più di un decennio in tribunale. Una lotta infinita contro i fondi avvoltoio americani che chiedevano risarcimenti per il fallimento.

Sorprendente che l’Argentina, paese che è andato in default più volte, riesca ad emettere un bond secolare. L’emissione di un titolo del genere è abbastanza rara, per ora solo UK, Irlanda e Messico hanno utilizzato questa forma.

I Numeri

L’Argentina è riuscita a reperire 2,75 miliardi di dollari in un’asta che ha riscontrato una domanda molto elevata. Si parla di quasi 9,75 miliardi, 3,5 volte superiore all’offerta. 

Il rendimento finale è stato del 7,9% contro l’8,5% stimato.

Gli investitori sembrano essere stati convinti dalle nomine dei funzionari pro mercati da parte dell’amministrazione Macri.

Il presidente oltre che rimuovere i controlli di capitale e aver nominato personalità di spicco ha varato riforme strutturali importanti.

L’interesse aumenta

Il paese ha emesso numerosi bond e quella di non fare default nei prossimi 100 anni è una scommessa quanto meno azzardata.

L’interesse per i titoli di debito dei paesi in via di sviluppo è in crescita. Solo negli ultimi 12 mesi l’indice dei Bond dei paesi emergenti ha garantito un Ritorno da investimento del 9%.

Più che concentrarsi sulla durata del bond, la risposta degli investitori dovrebbe essere pensata come l’espressione dell’opinione positiva verso la parabola storica del paese.

Le premesse ci sono tutte, l’Argentina ha ripreso a rialzarsi. Saprà trainare con se anche il resto del Sud America?

No Responses

Write a response

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi