Stellar Lumens

Stellar Lumens va alla conquista del mondo islamico

La scia di successo di Stellar Lumens sembra essere inarrestabile ed arriva anche nel mondo islamico, dove ha ottenuto la certificazione di conformità dalla Shariyah Review Bureau.

La famosa agenzia internazionale di consulenza infatti, dopo aver attentamente analizzato le potenzialità e le applicazioni di Stellar Lumens, ha approvato il suo utilizzo all’interno delle istituzioni finanziarie islamiche.

Prima di lei solo NOORCOIN e Bitcoin erano riusciti ad ottenere una simile certificazione dalla World Sharia Advisory Committee.

Stellar Lumens: origine e caratteristiche

Prima di parlare delle sue origini occorre fare una precisazione.

Stellar è il protocollo open-source utilizzato per scambiare valute in tutto il mondo; Lumens è il nome della criptovaluta scambiata e viene indicata con il codice XLM.

Questa è stata creata nel 2014 da Joyce Kim e Jed McCaleb ed ha alla sua base l’associazione no profit chiamata “Stellar development foundation”, ideata con l’obiettivo di combattere la povertà con servizi finanziari a basso costo.

Lumens trova la sua maggiore applicazioni nei micropagamenti che, grazie al sistema open-source, diventano meno onerosi rispetto ai costi dei canali tradizionali, quindi più accessibili.

Le sue caratteristiche distintive sono: la velocità con cui svolge le transazioni, inferiore a quella necessaria ai Bitcoin (tra 2 e 5 secondi); e la facilità con cui trasferisce valute legali a risorse digitali, anche in assenza di servizi bancari.

Dove viene utilizzata la criptovaluta lumen

Prima di avere l’approvazione per entrare nei mercati finanziari islamici, Stellar Lumens era già largamente utilizzata in Africa.

In particolare la troviamo in Nigeria con Oradian, un software bancario specifico per le istituzioni di micro credito; e nell’Africa Subsahariana con Praekelt e Vumi, una piattaforma di messaggistica che le donne possono facilmente utilizzare per mettere da parte denaro.

Il riconoscimento più importante è arrivato però nell’ottobre 2017 da IBM e dalla decisione di integrare Stellar Lumens all’interno dei suoi pagamenti cross-border che interessano il pacifico meridionale.

Continuerà la sua scia di successo? L’apertura del mercato finanziaro islamico fa ben sperare.

No Responses

Write a response

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi