Wall Street

Wall Street : Il futuro è troppo roseo?

Nella settimana passata i mercati finanziari internazionali hanno continuato la loro corsa. Wall Street stabilisce nuovi massimi storici.

Wall Street accelera

Quest’ultima fase di accelerazione appare veramente esagerata, si notano infatti segnali sempre più chiari di eccessi e sopravvalutazioni. Si potrebbe innescare, a breve, una fase “Correttiva”, situazione assente da ormai oltre un anno.

La debolezza del dollaro

Lo scenario intermarket va controcorrente. Il dollaro statunitense conferma di essere debole e continua il suo deprezzamento, perdendo un ulteriore 0,75%. In 6 mesi ha toccato soglia 6,4% senza dare indietro particolari benefici alla bilancia commerciale americana.

Come si reagiscono i Player e le banche

In questa settimana pure i Commercial Traders hanno interrotto gli acquisti a Wall Street .

Un segnale forse debole ma che potrebbe rivelarsi importante e significativo. Le banche e questi Big Player sono i veri dominatori dei mercati azionari. Il fatto che abbiano deciso di interrompere i loro acquisiti potrebbe essere il campanello di allarme che comporta se non una correzione diretta una pausa nell’attuale up-trend.

Cosa dobbiamo aspettarci nella realtà dei fatti

Per il momento rimaniamo in attesa di ulteriori sviluppo. Le flessioni di mercato sono naturali come ben sappiamo è difficile fare delle previsioni certe.

Quello che è chiaro e limpido è che segnali del genere non sono prendere e incassare. Un’analisi più completa e dettagliata è necessaria per capire cosa aspettarci nel futuro prossimo.

Seppur il mercato azionario e finanziario sembra mostrare grande fiducia e ottimismo, è bene restare cauti sulla situazione di Wall Street.

L’italia resta a guardare e aspetta le mosse della borsa statunitense. Una volta fatte le regole, sapremo che strada prenderà.

Di certo le ultime tensione in Medio Oriente tra Qatar e gli altri stati non aiutano uno scenario che ha visto nella mattinata odierna la salita improvvisa del barile.

Buona norma sarebbe prendere una posizione più prudente in vista di quello che affronteremo nei prossimi mesi di fuoco.

 

No Responses

Write a response

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi