fbpx
Salvataggio pubblico delle banche venete

Salvataggio pubblico delle banche venete

Salvataggio pubblico delle banche venete : le cifre del salvataggio

I conti correnti delle due banche venete erano veramente a rischio. Il governo è intervenuto d’emergenza con un bailout e un pacchetto di garanzie. Il crac è stato scongiurato.

Il prezzo da pagare per i contribuenti è pari all’intero bilancio annuale speso per la Difesa dell’anno passato.

Chiaramente nessun governo si sarebbe mai permesso di avere un budget da sacrificare ogni volta che una banca necessita di aiuti per sopravvivere e come sempre a pagare sembra siano i risparmiatori.

Il debito pubblico italiano ha superato il 132% del PIL.

I soldi non ci sono

I soldi in Italia sono finiti, e sembra però che non si faccia nulla per far sborsare i responsabili di questi episodi. Come è successo con Banca Etruria e le altre, a pagare obbligazionisti subordinati.

Scommettere nel bancario e affidare investimenti a questi istituti sembra sempre più come giocare alle slot machine.

Una cosa è certa, la prossima volta che una delle banche italiane va in crisi a pagare saranno direttamente i correntisti, non più il governo.

Gli amministratori non pagano

Gli amministratori delle banche sono gli unici che ancora non hanno pagato pegno per le loro azioni. Seppur sia compito della magistratura imputare le colpe, quando le sentenze vengono emesse, i responsabili sono già scappati, con tanta pace dei correntisti.

Il film che riguarda le banche venete non è finito, anzi dobbiamo attenderci sviluppi forse molto più gravi del previsto, la situazione non si prospetta per nulla rosea.

Salvataggio pubblico delle banche venete

Qualcuno deve pagare per i propri errori, il prima possibile. Intanto Padoan ha parlato di questi 17 miliardi che serviranno a salvare le banche. La cifra sarà necessaria se non si riuscisse a reperire i dieci miliardi di zavorra preventivati.

L’Italia, e il suo sistema bancario sprofondano sempre di più sotto il peso di banche male amministrate.

 

 

No Responses

Write a response

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi